AGRITURISMO 25
AGRITURISMO 25

INFO:

Indirizzo

AGRITURISMO 25
Via del Campo 1
42039 Ligonchio (RE) - Italy



Telefono - Fax

0522 899302

T. Mobile

335 6128190

 

E-mail

emiliapaoli@libero.it

 

Master Card Visa Tutte le carte di credito
MasterCard, Visa, Credit Card

"Ligonchio città dei bambini"

AGRITURISMO 25 aderisce ad un progetto dedicato all'accoglienza delle famiglie e dei bambini realizzato dall' Atelier "Di Onda in Onda" presso la Centrale di Ligonchio.

IL "TUO" AGRITURISMO 25

INCONTRO INASPETTATO....Una giornata di caccia al capriolo_13/02/2014

IL CINGHIALE

Il cinghiale fa parte degli Artiodattili, ordine che comprende la maggior parte degli erbivori di medie e grandi dimensioni. Il termine Artiodattili significa "con dita pari": infatti solo il terzo e quarto dito sono più sviluppati e poggiano sul terreno; le unghie sono fatte a zoccolo (ungulati)
Il cinghiale, progenitore del maiale, è onnivoro e si nutre di ghiande, castagne, tuberi, radici, cereali, insetti, nidi di uccelli. Il cinghiale quando grufola scava e sposta il terreno con il forte muso alla ricerca di tuberi, radici e piccoli animali.

Tratto da:       www.trekappennino.it

 ALLA SCOPERTA DELL'ITINERARIO

"CASALINO-MONTECAGNO-SOLOGNO

L’itinerario “Casalino – Montecagno – Sologno“, in Provincia di Reggio Emilia, è un percorso che attraversa importanti punti a valenza ambientale e di interesse storico – culturale.

Dalla località Casalino, infatti, l’itinerario raggiunge il borgo di Montecagno con interessanti tipologie abitative a nucleo chiuso ed autonomo e da lì Cerrè Sologno e la valle dei Gessi Triassici. Inoltre, da Casalino partono interessanti itinerari che permettono di arrivare alla zona degli schiocchi dell’Ozola e delle miniere di casalino (sfruttate già dagli estensi per una presunta presenza di argento), nonché ai Prati di Sara.

L’itinerario permette di attraversare anche il borgo di Sologno, uno dei più significativi dell’Alto Appennino per il suo andamento lineare e la netta suddivisione tra l’area fortificata e quella agricola. Molto interessanti anche i castagneti e il particolare colore rosa degli intonaci dovuto alla cottura dei gessi nelle tipiche fornelle, delle quali alcune recuperate e visibili.

Il percorso può essere intrapreso sia d’estate (a piedi, a cavallo o con la mountain bike), che d’inverno (con le ciaspole). Rientra nella classificazione CAI come un sentiero escursionistico (E), ma la presenza di un gran numero di percorsi alternativi consente di variarne la lunghezza e la complessità. Tra questi, si segnalano gli itinerari “Ospitaletto – Ligonchio – Monteorsaro – 00” e “Passo Pradarena – Rifugio Segheria Abetina Reale“.